Super Team

Turismo enogastronomico promuove l’italianità
Dicembre 2016

Dorina Bianchi
sottosegretario al Turismo

“Un’occasione per valorizzare nuovi territori, promuovere l’italianità e le eccellenze del Sud anche all’estero. Il turismo enogastronomico rappresenta un settore trainante per il nostro mercato e può divenire un’opportunità di crescita economica, di sviluppo e di occupazione”.
Così nelle parole di Dorina Bianchi, sottosegretario al ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo nel corso della tappa a Reggio Calabria del raodshow nelle sei regioni italiane del Sud coinvolte nell’iniziativa Italianfoodxp.
Agli operatori intervenuti nel capoluogo calabro, il sottosegretario ha sottolineato che: “Il turismo legato a cibo e vino è in crescita e si consoliderà nei prossimi anni e l’Italia può giocare un ruolo di capofila. Il turismo enogastronomico promuove l’italianità e le nostre eccellenze soprattutto quelle made in Sud”.
L’esponente del governo, al termine delle attività di promozione nei Paesi europei selezionati e nelle regioni meridionali ha tracciato un primo bilancio dell’iniziativa:” Il Progetto Italianfoodxp, promosso con il sostegno del MIBACT , ha prodotto ottimi risultati e ha facilitato l’incontro tra i tour operator, le strutture ricettive e i giovani produttori calabresi con i paesi europei selezionati permettendo così di rafforzare gli scambi commerciali tra le regioni del Sud e i mercati internazionali. Un’iniziativa che è stata un’opportunità per far conoscere nuovi territori e valorizzare il Mezzogiorno”. ”La produzione enogastronomica, driver fondamentale dell’immagine, dell’identità e attrattività dell’Italia e del Sud – ha evidenziato il sottosegretario - rappresenta il valore aggiunto della destinazione, un’autentica espressione della cultura e dello stile di vita degli italiani. Il turismo legato a cibo e vino è in crescita e si consoliderà nei prossimi anni. Attraverso questo progetto l’Italia può giocare un ruolo di capofila promuovendo le nostre eccellenze. Vogliamo un’Italia che sia Paese di viaggiatori, che sia leader nel turismo attraverso sostenibilità, innovazione e competitività”. Anche perché – secondo la Bianchi - se da un lato tanti stranieri affermano di voler conoscere le aree del nostro Mezzogiorno, poi gli arrivi effettivi si fermano al 12 per cento del totale. Sei regioni del Sud però attraggono un numero di turisti pari solo al Trentino Alto Adige. Con iniziative come questa vogliamo invertire la tendenza”.

Torna alla prima pagina
 

Articoli correlati

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, IS.NA.R.T. scpa e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy Per maggiori dettagli, leggi la nostra Cookie Policy.

Accetto i cookie da questo sito